La Legge per Tutti Forum

Versione completa: Reversibilità Superstiti
Al momento stai visualizzando i contenuti in una versione ridotta. Visualizza la versione completa e formattata.
Buongiorno, volevo porre alla Vs la mia problematica :
Nel maggio del 2017 è venuto a mancare il padre di mio figlio ancora minorenne, nato nel luglio del 2000 (non eravamo sposati) il signore era da qualche mese in pensione con più di 45 anni di contributi. In considerazione che il ragazzo dalla nascita era a carico del padre (non certo perché lo manteneva, ma solo perché prendeva gli assegni familiari....) ho fatto domanda di pensione per superstite, il ragazzo era scolarizzato, e dopo aver fornito tutti i documenti del caso, l'inps si è decisa a corrispondere la percentuale reversibilità. Nel luglio del 2018, al compimento del diciottesimo anno, ho dovuto ripresentare la domanda la quale non ha dato seguito a nulla. Credo per le seguenti motivazioni : nel 2017 in prossimità del decesso del padre, il ragazzo ha sviluppato una patologia psichiatrica, definita in Psicosi Schizofrenica in residuale autistico, chiaramente l'anno scolastica in corso è stato interrotto e sono cominciati i ricoveri e l'intervento, prima della neuropsichiatria infantile, perché ancora minorenne, in seguito della psichiatra e l'accesso al Cps terapia mensile onde bloccare la psicosi uditiva e ciò che ne seguiva. Siamo quindi arrivati, dopo stabilizzazione relativa, all'iscrizione del nuovo anno scolastico, ma purtroppo la situazione si è aggravata e ovviamente non ha più frequentato l'istituto scolastico. In seguito ho provveduto, con l'ausilio della psichiatra al riconoscimento della patologia invalidante,. Per lungaggini in uso ad INPS, la stessa viene riconosciuta del luglio di quest'anno, con un invalidità sottostimato del 80% attribuendo i benefici della 104 - 3.3 perché soggetto in grave stato di inabilità. Il medico curante, nel compilare la domanda non ha fleggato la richiesta di accompagnamento, ora mi trovo a dover fare oltresi', ricorso per i più che evidenti motivi sopra citati.... Ho provato (giusto un tentativo) di riagganciare la pensione di reversibilità del padre, giusto perché, pur assimilando la legge, che pone ristrettive caratteristiche per la concessione, trovo sia l'ennesimo abuso delle fasce in Vero stato di bisogno. Scusate la lungaggini, ma viverla garantisco è peggio!. Si consideri che per infarto acuto e un'altra patologia, io a 55 anni sono disabile con l'identità percentuale di mio figlio ed anche io posseggo la 104-3.3. La domanda è semplicemente, esiste un mezzo per poter recuperare la sua reversibilità o possiamo tranquillamente morire con 290 euro a testa? Grazie a chiunque mi possa consigliare.
Grazie cari avvocati, Voi come solito siete l'eccezione che conferma la regola...... Dei ladri!!!