La Legge per Tutti Forum

Versione completa: Cane del vicino che abbaia
Al momento stai visualizzando i contenuti in una versione ridotta. Visualizza la versione completa e formattata.
Il cane del vicino abbaia di continuo, notte e giorno. L'altra sera, non ce l'ho fatta più e ho chiamato l'amministratore che mi ha detto che non è competente. Allora ho chiamato i Carabinieri e anche loro mi hanno detto che non potevano intervenire visto che non è reato (??). Chi devo chiamare? L'Asl? Il Comune? Non voglio spendere soldi in un avvocato
(13-03-2018, 15:08)Rino Ha scritto: [ -> ]Il cane del vicino abbaia di continuo, notte e giorno. L'altra sera, non ce l'ho fatta più e ho chiamato l'amministratore che mi ha detto che non è competente. Allora ho chiamato i Carabinieri e anche loro mi hanno detto che non potevano intervenire visto che non è reato (??). Chi devo chiamare? L'Asl? Il Comune? Non voglio spendere soldi in un avvocato

Buonasera ho una situazione analoga alla tua al momento ti posso dire che l'unica cosa che puoi fare è rivolgerti all'Enpa o Oipa della tua provincia e fargli fare un sopralluogo per verificare che l'abbaiamento del cane non sia causata da abbandono o maltrattamenti.Poi se siete in alcune famiglie che si sentono disturbate da questo abbaiamento continuo una querela dai carabinieri non vi costa nulla.
Che io sappia, bisogna rivolgersi alla Polizia Municipale.
Per me, e' meglio parlare questo problema con il tuo vicino prima di rivolgersi al comune o etc. Se il tuo vicino no ha neache fatto qualche soluzione, vai al all'Enpa.
Io provo a dire la mia anche se non sono certo che quanto andrò esponendo sia corretto.

Preliminarmente mi stupisco che l'abbaiare continuo non venga considerato reato.
Infatti l'art. 659 C.P. rubricato "Disturbo delle occupazioni o del riposo delle persone", punisce chi non impedisce gli strepiti di animali, in conseguenza dei quali vi sia un disturbo delle occupazioni (lavoro, relax ecc.) o del riposo (sonno).
I latrati dell'animale, secondo costante Giurisprudenza, devono essere idonei, almeno potenzialmente, a disturbare una molteplicità di persone anche se poi in concreto solo alcuni soggetti risultano disturbati.

Ciò posto, penso che la via migliore, dopo avere rappresentato al proprietario dell'animale il disagio che questo arreca, onde risolvere bonariamente la questione, ed il medesimo non abbia preso provvedimenti atti a mitigarli, sia quella di procedere con un esposto da indirizzare al Sindaco e al Servizio Veterinario dell'ASL di competenza, che fatti i dovuti accertamenti in merito potranno adottare eventuali provvedimenti rivolti alla soluzione del problema.
L'abbaiare continuo dei cani che dia molestia a più persone fa incorrere il proprietario/custode nel reato di disturbo delle occupazioni o del riposo delle persone (art. 659 c.p.). Il proprietario può quindi essere denunciato. E' possibile agire anche in sede civile ai sensi dell'art. 844 c.c., se i latrati provocano un'immissione rumorosa intollerabile: il giudice potrebbe condannare il proprietario al risarcimento e a prendere ogni provvedimento necessario affinché l'episodio non si ripeta.

Avv. Mariano Acquaviva