La Legge per Tutti Forum

Versione completa: Il ricorso e infondato
Al momento stai visualizzando i contenuti in una versione ridotta. Visualizza la versione completa e formattata.
Buongiorno,
Ho un problema con una mula che e stata respinta dal prefetto e che nello stesso momento ha raddoppiato la multa.

Il giorno 20/01/2020 andavo in macchina intestata a mia moglie e sono stato fermato dalla polizia municipale. Non sono un sono un cittadino Polacco che e residente in Italia da diversi anni.
Purtroppo dovevo cambiare la mia patente Polacca e Richiedere quella Italiana, ma per motivi di viaggio e solo visite casuali in Italia non ho fatto la modifica. Non ha avuto fino ad oggi nessun problema con i controlli di polizia, carabinieri e polizia municipale di altri comuni. La macchina e intestata a mia moglie che abita in Italia, residente, ma macchina targata in Italia.
La situazione e seguente.

Il giorno 20/01/2020 sono stato fermato in autovettura intestata a mia moglie. Durante il controllo abbiamo un po litigato in quanto oltre ad avere la mia patente polacca avevo con me patente internazionale fatta sempre in polonia. Per cui ho fornito due documenti di guida validi in UE.
Durante scambio di parole, ho detto che non accetto la multa, non firmo niente, e non prendo niente dalla Polizia Municipale.

Mi hanno confermato che mi fermano la patente e la rispediscono al prefetto che successivamente probabilmente la spedirà alla motorizzazione.

Uno dei poliziotti quando ho detto che non firmo e non accetto niente, mi ha detto "a questo puno può andare, le manderemo tutto tramite posta".
E mi sono allontanato, senza patente.

Il giorno 24/04/2020 mia mogile in quanto proprietario della macchina ha ricevuto la raccomandata in busta verde dalla Polizia Municipale con la multa dive veniva descritta la situazione:

Numero registro... N.verbale ...
Si da atto che il presente verbale e stato consegnato per la notifica all'ufficio postale incaricato in data 22/04/2020
In data 20/01/2020 alle ore 11:20 Nel comune...via...piazza..e stato accertato che il conducente del autoveicolo marca/tagra ha commesso le seguenti violazioni:
Art. 136 comma bis +126c11 Titolare della patente rilasciato dallo stato della Polonia circolava alla guida del veicolo indicato con patente senza limiti di validita amministrativa di cui non ha richiesto la conversione nonostante sia residente in italia da piu di 2 anni (sanzione min/max 158,00/636,00 - sanzione ridotta Euro 158,00)
Sanzione Accessorie: Ritiro patente per l'aggiornamento.
Trasgressore: miei dati
Proprietario: dati di mia mogie
I verbalizzanti: dati di poliziotti.
seguono informazioni di pagamento e ricorso ecc.
Alla fine informazione che il verbale e stato consegnato all'ufficio postale in data 22/04/2020.

MIA MOGLIE HA FATTO IL RICORSO DOVE:
- ho segnalato che non era a conoscenza del accaduto
- il verbale e stato consegnato oltre 90 giorni.

Dal mio calcolo risulta che tra la data in cui sono stato fermato alla lettera spedita dalla Municipale sono trascorsi 93 giorni. 20/01 - 22/04

Dal prefetto abbiamo ricevuto lettera dove io non vengo citato, ma solo mia moglie, nonostante non era presente e non era con me nel momento del accaduto. E solo il proprietario della macchina.

Il Prefetto di provincia di Reggio Emilia
Il Protocollo di ordinanza...
Riferimento protocollo...
VISTO che il verbale n... del 20/01/2020 redatto da polizia locale... a carico di DATI DI MIA MOGIE residente a - relativo a violazione ART 136 E ART 126 CDS in Casalgrande vi Statale 162 con veicolo tipo autovettura targa...
VISTI gli atti prodotti dall'ufficio a cui appartiene l'organo accetatore
ESAMINANDO il ricorso dell'interessato e proceduto alla relativa istruttoria ai sensi dell'art. 203 e dell'art 204 del codice della strada D.Lgs 30/04/1992 n. 285 e successive modificazioni e integrazioni.
CONSIDERATO che i motivi di ricorso non sono sorretti da utili elementi probatori atti a rendere verificabili le ragioni addotte e che, conseguentemente, rendono lo stesso ricorso infondato per inadempimento dell'onere probatorio;
CONSIDERATO CHE NON EMERGONO MOTIVAZIONI FONDATE NEL RICORSO;
RILEVATO, per consenso, che le controdeduzioni alle eccezioni argomentate nel ricorso confermano, con puntualità, gli elementi di fatto e di diritto che hanno formato oggetto dell'accertamento di violazione e che esauriscono tutti gli aspetti di rilievo dedotti nel presente ricorso;
RITENUTO che, conformemente a consolidata giurisprudenza (ex plurimis, Consiglio di Stato sez.VI sent n.1114 del 28/10/1978 Consiglio di Stato sez. VI sent n 195 del 28/3/1992), il rinvio ad atto, ai fini della decisione del ricorso, non inficia la legittimità del provvedimento purché siano conoscibili le ragioni sulle quali la medesima decisione si fonda e che, più in generale, l'obbligo di motivazione degli atti amministrativi può ritenersi sufficientemente assalto se sia dato ricavare, anche per rinvio al altri atti, la ricostruzione dell'inter logico seguito dall'autorità emanente (Consiglio di Stato, sez III, par. n. 1775 del 26/11/2002; Consiglio di Stato, sez VI, sent. n. 1023 del 7/12/1992)

ATTESTO che, alla luce del rapporto controdeduttivo predisposto dall'organo accettatore, al quale autorità rinvia facendolo proprio in punto di fatto di diritto, il ricorso è infondato;

VISTO l'art 3 del D.LGS 12/2/1993 n. 39, disciplinante la predisposizione di atti amministrativi tramite sistemi informativi automatizzati;
VISTO il nuovo codice della strata D.Lgs 30/4/1992 n. 285 e successive modificazioni e integrazioni;
VISTO il regolamento di esecuzione e di attuazione del nuovo codice della strada D.P.R. 16/12/1992 n. 495 e successive modificazioni e integrazioni
VISTA la legge del 24/11/1981 n. 689 e successive modificazioni e integrazioni
VISTO l'atto di conferimento/delega prot.interno n.0001659 del 25/09/2020 con il quale è stato conferito l'incarico di Dirigente Reggente l'Area III, ai sensi dell'art. 14 del D.Lgs 19/5/2000 n. 139 e degli artt. 3 e 4 del D.M. 4 agosto 2005;
ORDINA
a DATI DI DI MIA MGOLIE di pagare la somma di € 316,00 quale la sanzione amministrativa pecuniaria per l'infrazione di cui sopa;
INGUNGE
a DATI DI MIA MOGIE di versare la somma di € 316,00 per sanzione amministrativa pecuniaria, per un totale do € 316,00
Il pagamento deve essere......

Avvertenza
Ai sensi dell'art 205 del codice della strada e dell'art 22 della legge 24/11/1981 n. 689, avverso il presente provvedimento può proporsi oppisizione d'avanti al giudice di pace competente per il luogo in cui e stata commessa la violazione, entro trenda giorni dalla data di notifica.

Data della lettera 04/12/2020

Data del timbro postale 29/01/21

La lettera e stata consegnata a 3 febbraio.

Secondo Voi posso fare qualcosa? Soprattutto per quanto riguarda il discorso di 93 giorni passati dal momento che sono stato fermato e quando arrivato verbale intestato a mia moglie. 20/01 - 22/04
Non so se questi 93 giorni hanno un valore.
Non capisco perché il verbale e stato mandato al proprietario della macchina visto che sono stato fermato io, la municipale ha avuto tutti miei dati compreso la residenza in Italia, confermano che hanno fermato la mia patente e nonostante tutto viene multato proprietario invece di trasgressore.

La multa e gia raddoppiata, non so se devo fare un ricorso al giudice di pace e in che forma lo dovrei fare se mi conviene.

Grazie per la vostra attenzione, pazienza e consigli.