La Legge per Tutti Forum

Versione completa: Legge Bersani, domicilio e residenza
Al momento stai visualizzando i contenuti in una versione ridotta. Visualizza la versione completa e formattata.
Buongiorno e buon ultimo dell'annaccio a tutti.

Non so se questa sia la sezione giusta, in fondo mette insieme più cose ma l'oggetto principale è l'auto. Nel caso, spostatela pure dove più appropriato.

Premetto che ho cercato in giro ovunque ma nessuno degli articoli che ho reperito ha fatto completa chiarezza sul mio dubbio.

Come evincerete dal titolo, si tratta di ereditare la classe di merito di un genitore (mia madre, nella fattispecie) nel contesto di un cambio di domicilio.

Elaborando, sono ora andato a vivere da solo, in affitto, in quella che nelle mie intenzioni sarà una situazione temporanea, di non meglio definita durata, nel frattempo di comprare casa. Non intendo perciò cambiare residenza, a meno di particolari vantaggi derivanti dall'atto.

A quanto ho capito, la legge Bersani riguarda lo Stato di Famiglia e non il Nucleo Familiare. In soldoni, ciò vuol dire che potrei ereditare la classe di merito solo finché vivo sotto lo stesso tetto di mia madre?

In particolare, il mio dubbio riguarda il fatto che, leggendo su questo stesso sito, lo Stato di Famiglia si riferisca alla Residenza Anagrafica e che il Domicilio (sede principale dei propri affari/interessi) non venga registrata nero su bianco in qualche ufficio amministrativo, ma tuttalpiù dichiarata con autocertificazione al momento del bisogno (per esempio, al datore di lavoro per la reperibilità sotto visita fiscale). Ora, l'essere a tutti gli effetti andato a vivere per conto mio mi preclude la possibilità di usufruire della Legge 40/2007? Oppure, avendo ancora la residenza dove abita mia madre, tale processo è ancora possibile? In questo caso, si tratta di sfruttare un buco legale/agire in maniera disonesta?

Grazie per l'attenzione e per le eventuali risposte!