La Legge per Tutti Forum

Versione completa: Perdita dal bagno, valutazione richiesta danni esistenziali
Al momento stai visualizzando i contenuti in una versione ridotta. Visualizza la versione completa e formattata.
Buongiorno a tutti,

scrivo in merito ad un problema relativo alla perdita dal mio appartamento, che ha creato macchie di umidità nei due appartamenti sottostanti.
La perdita mi è stata segnalata lunedì 15 giugno, sia dalla vicina direttamente sottostante, che dalla vicina della colonna spostata a sinistra, io ho prontamente abbandonato il mio luogo di lavoro per verificare la situazione nel mio appartamento, ho chiamato subito l'idraulico condominiale che prontamente si è presentato presso il mio appartamento constatando che il problema non era di pertinenza condominiale, mi sono quindi preoccupato di organizzare un intervento per risolvere la situazione, cosa che è successa appunto il giorno dopo.

Mi sono preoccupato di contattare le mie due vicine per verificare che la situazione fosse effettivamente risolta, cosa che mi è stata confermata con fermezza dalla vicina direttamente sottostante.

La Signora della colonna spostata invece non è stata forse convinta in modo definitivo, ma come prova della risoluzione del problema vi sono le parole della mia vicina direttamente di sotto, che ha confermato l'interruzione della goccia che pendeva dalla macchina di umidità.

Io ho fatto quanto possibile per risolvere la questione con assoluta urgenza riconoscendo le mie responsabilità.

Purtroppo, con mio grande rammarico, ho ricevuto un messaggio dalla vicina della colonna spostata, che allude ad una richiesta di risarcimento non solo relativa alla tinteggiatura della macchia da me creata, cosa per cui mi sono reso ovviamente disponibile, ma relativa ai danni esistenziali (come da lei detto documentati) perchè la perdita ha generato una serie di conseguenze in quanto ha peggiorato la sua allergia, inducendo il marito a spruzzare un antimuffa fortemente tossico che le ha causato tosse costringendoli a tenere la finestra aperta per diversi (o due) giorni.

Io mi chiedo se in questo caso ci siano i presupposti per avanzare una richiesta del genere, considerando la mia prontezza nel risolvere la situazione, considerando che la perdita è stata una settimana fa ed è durata approssimativamente un giorno e mezzo o due giorni e non credo quindi che possa avere generato gravi muffe e considerando che il marito ha spruzzato un prodotto fortemente tossico quando esistono in commercio diversi antimuffa biologici.

Sono molto preoccupato dai toni della Signora, con la quale tra l'altro avevo un rapporto di intima amicizia fino a qualche mese, che ho delicatamente reciso dopo vari ripensamenti perché il suo atteggiamento stava portando il rapporto ad una situazione di sudditanza nei suoi confronti.

Vorrei anche aggiungere di essere in possesso di diverse mail che la Signora mi ha girato, quando in rapporto di intima amicizia, che ha inviato all’amministratore, nelle quali si lamentava pedantemente di diverse situazioni condominiali (fumi che arrivano dalla pizzeria al piano terra, prodotti tossici utilizzati per la pulizia degli spazi comuni, polvere derivante da un intervento effettuato in cortile)

Vorrei anche aggiungere che la Signora non si è resa disponibile per un sopralluogo al proprio appartamento, cosa che però io ritengo assolutamente necessaria, ha però inviato due foto della macchia in data 17 GIUGNO, che sembra davvero di dimensioni poco significative.

Io non ho grande esperienza in fatto di Legge, ma sto vivendo questo accanimento con eccessiva ansia, prima di tutto perché ritengo di essermi comportato nel migliore dei modi senza aver in realtà creato un danno di grande gravità e senza essere stato negligente, e poi perché vivo questo attacco come una vendetta a carattere personale per aver interrotto questo rapporto amicale, aggiungo inoltre che dopo aver ricevuto questo messaggio vagamente minatorio ho provato a telefonare e rispondere con dei messaggi alla Signora, la quale è completamente sparita nell’intento forse di generarmi ulteriore ansia, anche perché lei è perfettamente a conoscenza del fatto che prendo alcuni leggeri psicofarmaci per equilibrare il mio umore.

Ringrazio tutti per l’attenzione e per eventuali risposte che questo post riceverà.