La Legge per Tutti Forum

Versione completa: Acquisto casa (con mutuo) e successiva permuta
Al momento stai visualizzando i contenuti in una versione ridotta. Visualizza la versione completa e formattata.
Buongiorno a tutti.
Vi chiedo cortesemente alcune indicazioni per risolvere un "problema" di compravendita.
Mio padre è proprietario di una casa (in città) nella quale non vive in quanto si è trasferito con la compagna (fuori città). Vorrebbe acquistare una nuova casa (fuori città) con i soldi ottenuti dalla vendita della sua attuale casa. Io vorrei acquistare la casa di mio padre (in città) ma mi serve un mutuo; il problema riscontrato è che in pratica nessuna banca concede un mutuo per una compravendita tra parenti (mi piacerebbe percorrere questa strada perché sarebbe la più corretta ma credo sia purtroppo impercorribile, non per motivi legali, ma per volontà avversa da parte degli istituti di credito).
Ho quindi pensato: qualora acquistassi io la casa fuori città, accendendo un mutuo a mio nome, potrei successivamente effettuare un'operazione di permuta andando sostanzialmente a scambiare con mio padre la sua casa in città con la mia acquistata appunto fuori città (ovvero dove vorrebbe andare a vivere lui)? Ovviamente in questo secondo caso sarei io a continuare a pagare il residuo del mutuo, dando come garanzia la casa in città.

Alcune precisazioni:
- sono un dipendente pubblico quindi più che sicuro sotto un aspetto di "rischio";
- per un eventuale anticipo non avrei problemi nel disporre di quanto necessario per un anticipo;
- la casa fuori città avrebbe un valore di circa 150.000 €;
- la casa in città ha un valore (di mercato) di circa 300.000 € ma potrebbe essere venduta (o oggetto di permuta) per un valore più basso in quanto la sua rendita catastale, moltiplicata per il relativo coefficiente, fa si che non ci siano problemi fiscali fino ad un valore di 130.000 €, per cui non risulterebbero problemi fiscali nel fare una permuta "alla pari" equiparando di fatto il valore delle due case (oggetto di permuta);
- sono figlio unico, mio padre è legalmente divorziato, i rapporti familiari sono più che buoni e non ci sono problemi a venirsi in contro tra parenti sotto ogni aspetto legale/burocratico che dovesse insorgere;
- la strada della donazione da mio padre a me non è percorribile perché, di fatto, mi impedirebbe di vendere la casa in un futuro (per motivi che credo abbiate più chiari di me).

Vi chiedo quindi se ravvediate qualche motivo per cui tale percorso non sia percorribile e soprattutto vi chiedo indicazioni su qualsiasi particolare non abbia considerato o qualsiasi altra strada da percorrere.
Grazie in anticipo
Rinnovo cortesemente la richiesta. Immagino la questione sia particolarmente complessa. Grazie
Nessuno che vuole sbilanciarsi con una risposta? Mi sembra strano che nessuno abbia una vaga idea...ma sarà così